Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Le Mostre a Pistoia e provincia

01 Giugno 2024 - 30 Giugno 2024 ore 23:59

Fino al 25 Giugno

Miraggi

Le Sale Affrescate del Palazzo Comunale di Pistoia ospitano una mostra d’arte di Pasquale Celona. Ideata e curata da Jacopo Celona e da Melanie Zefferino – anche responsabile del catalogo – l’esposizione antologica propone oltre trenta dipinti realizzati in più di 40 anni di carriera artistica e che spaziano tra nature morte, figure, paesaggi e marine, le amatissime vele. A questi soggetti si affiancano due opere molto conosciute, la ‘Primavera’ (1985) e l’’Annunciazione’ (1992). Classe 1943, calabrese di nascita ma toscano d’adozione, Pasquale Celona nel 1995 insieme al fratello Piero ha ideato la ‘Florence Biennale’, mostra Internazionale di Arte Contemporanea e Design di cui oggi è Presidente. Tuttavia, in tutto questo tempo, Celona non ha mai dimenticato di essere prima di tutto un artista. Sulle tele ha trasposto le sue visioni di paesaggi, ma anche di figure e cose sospese in una atmosfera tra il reale e l’immaginario. L’artista raccoglie e reinterpreta l’eredità culturale dell’occidente ma anche gli spunti del Novecento e della contemporaneità infondendo alle sue pitture, attraverso il particolare uso della luce che gli è proprio, i colori e le suggestioni della Calabria che gli ha dato i natali, ma anche della Toscana, sua terra d’adozione. In una continua ricerca di armonia e bellezza.

Ingresso libero. Orario: tutti i giorni 11-13 e 15-18

Sale affrescate di Palazzo Comunale – Piazza del Duomo, 1 – Pistoia

Info: 0573.371611 – 055.3249173 – cultura@comune.pistoia.it – info@florencebiennale.org


Fino al 28 Giugno

Ferdinando Martini uomo, politico e letterato

‘Documenti tratti dal Fondo Benzoni Pasquinelli, di recente donazione e dal Fondo Librario e archivistico Ferdinando Martini’ è il sottotitolo di questa mostra documentaria inaugurata in occasione del convegno ospitato in maggio dalla Biblioteca Forteguerriana di Pistoia e dedicato alla figura di Ferdinando Martini (Firenze 1841 – Monsummano Terme 1928), personaggio poliedrico che fu uomo politico, scrittore, giornalista, intellettuale e bibliofilo: un “toscano europeo”, come lo definì Giovanni Spadolini. Nell’allestimento viene presentata una recente e importante donazione documentaria relativa a Martini, effettuata dalla ricercatrice pistoiese Tania Pasquinelli. Si tratta di circa 200 documenti cartacei, tra cui lettere, manifesti elettorali, fotografie e inviti riconducibili alla figura di Ferdinando Martini che andranno a costituire il Fondo Benzoni-Pasquinelli. E che si aggiungono al ricco fondo librario conservato dalla Forteguerriana. Frequentatore dei circoli letterari fiorentini, collaboratore del ‘Fanfulla’ ed editore, Martini fu professore alla Normale di Pisa e deputato al Parlamento italiano per 43 anni e 13 legislature. Inoltre fu Ministro delle Colonie e Ministro dell’Istruzione pubblica, Governatore dell’Eritrea, Senatore e tra i fondatori dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana.

Orario: lunedì, mercoledì e venerdì 9-13.30, martedì e giovedì 9-13.30 e 15-17.30, chiuso sabato e domenica.

Biblioteca Forteguerriana – Piazza della Sapienza, 5 – Pistoia

Info: 0573 371452 www.forteguerriana.comune.pistoia.it


Fino al 29 Giugno

Cartacee nuzialità

Una mostra bibliografica ricca di curiosità occupa le teche espositive del primo piano della Biblioteca San Giorgio. Si tratta di ‘Cartacee nuzialità e loro metamorfosi dal Seicento al Novecento nelle collezioni delle biblioteche Forteguerriana e San Giorgio di Pistoia’. Scrivere in occasione delle nozze sembra essere stata una priorità quasi esclusiva dei costumi italiani. Conservati spesso tra i fondi storici delle biblioteche, i ‘nuptialia’ (pubblicazioni occasionali in tiratura limitata offerte agli sposi e ai loro invitati) si rivelano carichi di un fascino intramontabile e sono documenti indispensabili a ricomporre quadri di ‘vita vissuta’ dalle comunità. Gli opuscoli in mostra provengono dalle raccolte delle due biblioteche pistoiesi ma appartengono a aree geografiche diverse: vengono dalle province di Pistoia, Firenze e Pisa ma anche dalle province di Padova, Venezia, Verona. Tra i ‘nuptialia’ novecenteschi figura il volumetto “Cacciatori di stelle” (1990) di Sigfrido Bartolini, artista pistoiese, realizzato in 250 copie numerate per le nozze del figlio Alessio, pilota di caccia F-104, che contiene xilografie e litografie originali a corredo di una piccola antologia di testi sull’aeronautica militare che vanno da Antoine de Saint-Exupéry a Gabriele D’Annunzio.

Ingresso libero. Orario: tutti i giorni 9-19, lunedì 14-19, chiuso domenica.

Biblioteca San Giorgio – Via Sandro Pertini – Pistoia

Info: 0573.371600 – www.sangiorgio.comune.pistoia.it


Fino al 14 Luglio

’60 Pop Art Italia

In programma a Palazzo Buontalenti la grande mostra che apre l’anno di Fondazione Pistoia Musei. La rassegna, curata da Walter Guadagnini, presenta 60 opere che ricostruiscono le vicende della Pop Art in Italia, attraverso i suoi maggiori esponenti, tra cui Mario Schifano, Tano Festa, Franco Angeli, Rotella, Ceroli, Pino Pascali, Kounellis, Mambor, Titina Maselli, Giosetta Fioroni, Laura Grisi, Roberto Barni, Umberto Buscioni, Adolfo Natalini e Gianni Ruffi. I prestiti provengono da istituzioni museali come il MaCro di Roma, la Gam di Torino, il MART di Trento e Rovereto, la Collezioni Maramotti di Reggio Emilia, le Collezioni di Intesa Sanpaolo e da importanti collezioni private. Il percorso espositivo si configura come un viaggio nei principali centri d’irradiazione italiani di questo fenomeno prettamente metropolitano, nato a Londra nel 1956 e sviluppatosi in contemporanea a New York, Los Angeles e quindi in Europa, al punto da divenire la principale espressione artistica degli anni Sessanta del ‘900. La prima sezione si focalizza su Roma con la ‘Scuola di Piazza del Popolo’ sostenuta da intellettuali come Moravia e Parise: in mostra un grande quadro relativo al murale che Claudio Cintoli realizzò all’interno dell’iconico Piper club di Roma. La mostra prosegue verso nord fermandosi alla ’Scuola di Pistoia’, con Barni, Buscioni e Adolfo Natalini, e raggiugnendo poi Milano e Torino, con le gallerie Il Punto e Sperone, che introducono in Italia i lavori di Andy Warhol e Roy Lichtenstein e dove sono attivi Michelangelo Pistoletto, Mondino e Ugo Nespolo. Due sale specifiche sono dedicate a Venezia e Palermo, con la Biennale del 1964 e le due mostre Revort del 1965 e del 1968, anno che segna la chiusura della stagione d’oro della Pop Art e che chiude la mostra pistoiese.

Orario: tutti i giorni 10-20.

Palazzo Buontalenti – Via de’ Rossi, 7 – Pistoia

Info: 0573.974267 www.pistoiamusei.it


Fino al 19 Luglio

Nineteen Works

Nella galleria pistoiese SpazioA, seconda personale dell’artista tedesco Daniel Gustav Cramer (classe 1975), che vive e lavora a Berlino. In questa mostra, l’artista ritorna alla sua serie in corso, ‘Works’, presentando una installazione di sculture, fotografie e lavori testuali di viaggio che aspirano a descrivere la condizione umana e attingono il loro immaginario da esperienze collettive e memorie condivise. Cramer archivia collezioni, documenta apparizioni sfuggenti e cattura momenti a prima vista ordinari della vita quotidiana. Il suo uso frammentario di immagini e linguaggio incorpora riferimenti a strategie artistiche concettuali e letterarie. Ogni fotografia, archivio, testo e scultura contiene una storia indistinta. Le mostre, di conseguenza, possono essere percepite come un intreccio di narrazioni spaziali. Nel suo processo di produzione, l’artista si immerge in domande filosofiche riguardo all’esperienza del tempo, alla comparsa del linguaggio e delle immagini e ai limiti della percezione.

Ingresso libero. Orario: dal martedì al sabato 11-14 e 15-19 o su appuntamento.

SpazioA – Via Amati, 13 – Pistoia

Info: 0573.977354  www.spazioa.it


Fino al 28 Luglio

ri-NASCIMENTO

La galleria ME Vannucci di Pistoia e Villa Rospigliosi a Prato aprono al pubblico due mostre a cura di Marina Dacci. Pensate come un progetto unitario, le mostre esplorano l’idea di cambiamento nell’approccio con “l’altro da sé” (siano oggetti, natura e persone) e la tensione verso un’auspicabile rinascita che l’arte propone. Le opere di Bertozzi & Casoni, Elena Bellantoni, Chiara Bettazzi, Bianco-Valente, Serena Fineschi, Antonio Fiorentino, Cristina Gozzini, Silvia Listorti, Nazzarena Poli Maramotti saranno esposte nello spazio della galleria ME Vannucci, mentre Villa Rospigliosi presenterà un focus su Antonio Fiorentino con un corpo di sculture e cianotipie, come approfondimento del percorso proposto in galleria. L’idea di ‘ri-NASCIMENTO’ nasce dalla riflessione sulla parola arcaica ‘nascimento’ intesa come nascita che si innesta qui nello spirito del nostro tempo e nella Toscana che ha visto la fioritura del Rinascimento. La posizione e le tensioni dell’uomo sono completamente mutati ma, nel contesto attuale, resta intatta la ricerca di nuova linfa e di nuove visioni per un concreto cambiamento. Ognuno degli artisti invitati si misura sulla necessità di un rinnovamento dello sguardo, di una ‘rifioritura’ di pensiero dopo un periodo di disorientamento, disordine e buio da cui ripartire per la costruzione di diversi equilibri.

Orario: mercoledì, giovedì, venerdì 17-19.30, sabato 9.30-12.30 e 17-19.30, chiuso domenica, lunedì e martedì.

ME Vannucci – Via Gorizia, 122 – Pistoia

Info: 0573.20066 – 335.6745185 www.vannucciartecontemporanea.com


 

Dettagli

Inizio:
1 Giugno ore 0:00
Fine:
30 Giugno ore 23:59
Categorie Evento:
, , ,
Comments are closed.