Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Dicembre 2022 | Tutte le Mostre a Prato e provincia

01 Dicembre 2022 ore 08:00 - 31 Dicembre 2022 ore 19:00

Dicembre 2022 | Tutte le Mostre a Prato e provincia

Mitologie Digitali

dal 20 novembre al 27 dicembre

Un progetto tra Italia e Cina dove la tecnologia digitale incontra gli archetipi umani. Ventitré artisti tra Italia e Cina hanno reinterpretato le tradizioni ancestrali utilizzando gli strumenti dell’arte digitale e dando origine a una nuova forma di mitopea contemporanea, una raccolta di favole legata a temi fondamentali per attraversare e vivere il presente. Una parte della mostra è esposta al Convitto Cicognini (piazza del Collegio) ed è visitabile su prenotazione.

Informazioni:

Orario: da mercoledì a sabato 16-19, chiuso domenica, lunedì e martedì.

Prato – Saletta Campolmi, Via Puccetti, 3

Info: 0574.1835021 – info@contemporary-matters.com – www.mitologiedigitali.com


Mr & Mrs Clark. Ossie Clark and Celia Birtwell | Fashion and Prints 1965-74

dal 17 settembre all’8 gennaio 2023

L’indimenticabile, ruggente Swinging London a cavallo fra gli anni Sessanta e Settanta, quella dei Beatles e delle minigonne di Mary Quant, è lo sfondo storico su cui si muove questa mostra di abiti e tessuti progettata dal Museo del Tessuto di Prato in collaborazione con la Fondazione Sozzani di Milano (che la ospiterà poi da gennaio ad aprile 2023).

Un omaggio, curato da Federico Poletti, al designer Ossie Clark a ottant’anni dalla sua nascita (9 giugno 1942 – 6 agosto 1996) e alla moglie Celia, ancora attiva come textile designer. Grazie al loro connubio hanno definito un immaginario e uno stile inconfondibile, il Flower Power, diventando un punto di riferimento per la generazione dei ‘figli dei fiori’.

L’allestimento ci racconta l’abilità nel disegno di Celia, che sviluppava le stampe ispirate alla natura e alle avanguardie artistiche, mentre Ossie con la sua abilità nei tagli e nella modellistica dava vita ad abiti sensuali e femminili. La loro unione è stata immortalata da David Hockney nel celebre dipinto ‘Mr and Mrs Clark and Percy’ (1970- ’71), conservato alla Tate Britain di Londra, non solo un ritratto ma anche il manifesto di una nuova classe creativa tra arte e moda. Fondamentale il loro rapporto con il mondo dello spettacolo, dai Rolling Stones, per cui disegnavano abiti, a David Gilmore dei Pink Floyd, che musicò una loro celebre sfilata nel 1971.

I 40 ‘look’ in mostra (dal 1965 al 1974) provengono dalla collezione del costumista Massimo Cantini Parrini e da quella privata di Lauren Lepire a Los Angeles. Altro materiale, come i preziosi taccuini di disegni, le foto, le riviste di moda e i tessuti, provengono dagli archivi di Celia Birtwell e dalla famiglia Clark.

Informazioni:

Orario: da martedì a giovedì 10-15, venerdì e sabato 10-19, domenica 15-19, chiuso lunedì.

Prato, Museo del Tessuto, via Puccetti, 3

Info: 0574.611503 – www.museodeltessuto.it


Dorsale opposta

dall’8 ottobre all’8 gennaio

Questa mostra di Luca Matti, a cura di Riccardo Farinelli, è l’undicesimo progetto espositivo promosso da ChorAsis – Lo Spazio della Visione nel parco-giardino della storica villa Rospigliosi di Prato. Nella riflessione di un dialogo tra arte, natura, architettura e storia, Matti realizza con la sua sottile ironia un progetto site specific capace di suscitare in noi domande tanto scomode e difficili quanto ineludibili circa i nostri prossimi destini.

I materiali usati sono camere d’aria, tubi di polietilene, ferro, fascette di cablaggio e valvole di gonfiaggoio. ’Dorsale opposta’, l’installazione che dà il titolo all’intero progetto è una griglia scura che pare creare nello spazio del prato una sorta di disegno aereo, progetto per una eventuale facciata, diretto confronto con l’armonico fronte della settecentesca villa che posta subito dietro ne risulta come replica dissonante.

Lontano, un alto e agile uomo-fiore (‘Flower man’) pare entrare in dialogo con il grande leccio e più in là un enorme essere dagli arti a zampe-tentacoli (‘La Bestia’), tenta una conversazione o una predazione con i pesci della vasca. Mentre il tenero dormiente ‘Sleepy’ è rannicchiato sotto i melograni del prato e, nello spazio rettangolare della rimessa, una enorme sfera nera vegetale (‘Black time’) pare emanare una vibrazione, un lieve antico richiamo oppure un lamento…

Ingresso libero.

Informazioni:

Orario: tutti i giorni 10-13 e 15-17.30.

Prato – Villa Rospigliosi, Via Firenze, 83

Info: 348.7814430 – 335.444241 – www.comune.prato.it


Hagoromo

dal 16 settembre al 26 febbraio

Il Centro Pecci dedica un’importante mostra a Massimo Bartolini (Cecina, 1962), un nuovo capitolo del ciclo di monografie che il Centro organizza annualmente per presentare al pubblico l’opera di artisti e artiste italiane. La mostra, a cura di Luca Cerizza con Elena Magini, presenta una nuova installazione – la più grande mai realizzata dall’artista – appositamente concepita per gli spazi del museo, una sorta di ‘nuova spina dorsale’ che guida lo spettatore alla scoperta di opere appartenenti a momenti diversi della sua carriera.

Eludendo il carattere retrospettivo, l’organizzazione cronologica e tematica, la mostra funziona come un itinerario fatto di incontri sorprendenti e rivelatori. ‘Hagoromo’ è il titolo di una nota pièce del teatro Noh giapponese che ha ispirato anche il titolo di questo ‘Hagoromo’ (1989), che Bartolini considera la sua prima opera matura: all’interno del suo vecchio studio, su un palco illuminato, un musicista improvvisa una musica per sassofono.

Una danzatrice reagisce alla musica, muovendosi dentro un parallelepipedo su ruote, che ha le sembianze di una minuscola unità abitativa.

Informazioni:

Orario invernale: tutti i giorni 10-19, 24 e 31 dicembre 10-16, chiuso lunedì, martedì e 25 dicembre

Prato – Centro per l’Arte Contemporanea ‘L.Pecci’, Viale della Repubblica, 277

Info: 0574.531915 – www.centropecci.it


Schema 50. Una galleria fra le neo-avanguardie (1972-1994)

dal 9 ottobre al 26 febbraio

Una selezione di opere originali e documenti d’archivio per ricordare il 50° anniversario della Galleria Schema (1972-1994), originale spazio fiorentino di ricerca delle neo-avanguardie nazionali e internazionali, nel centenario di nascita del suo fondatore, l’artista Alberto Moretti (Carmignano, 1922 – 2012), che fu affiancato nell’avventura da Roberto Cesaroni Venanzi e Raul Ernesto Dominguez. Si tratta della prima mostra museale interamente dedicata all’attività sperimentale della Galleria Schema e, contestualmente, all’opera concettuale, antropologica e politica elaborata da Alberto Moretti.

Attenta alle coeve sperimentazioni in ambito teatrale, cinematografico e musicale, fino alla sua chiusura avvenuta nel 1994 la Galleria Schema ha organizzato mostre ed eventi incentrati prevalentemente sull’arte concettuale e postconcettuale, l’architettura radicale, la performance e l’happening, l’arte antropologica e politica, con la partecipazione attiva di artisti come Giuseppe Chiari, Jannis Kounellis, Gino De Dominicis, Vettor Pisani e il coinvolgimento di critici e studiosi come Eugenio Battisti, Achille Bonito Oliva, Lara-Vinca Masini. Fra le personali realizzate da Schema si ricordano quelle di Ketty La Rocca, Dennis Oppenheim, Claudio Parmiggiani, Giuseppe Penone, Gilberto Zorio.

L’evento è ideato da Stefano Pezzato del Centro Pecci, in collaborazione con Raul Ernesto Dominguez, oggi direttore della Fondazione Alberto Moretti / Galleria Schema di Carmignano.

Informazioni:

Orario invernale: tutti i giorni 10-19, 24 e 31 dicembre 10-16, chiuso lunedì, martedì e 25 dicembre

Prato – Centro per l’Arte Contemporanea ‘L.Pecci’, Viale della Repubblica, 277

Info: 0574.531915 – www.centropecci.it


Gli amici pittori di Cesare Guasti nelle collezioni comunali

dal 17 dicembre al 10 aprile

In occasione del bicentenario della nascita di Cesare Guasti, il Museo di Palazzo Pretorio vuole ricordare i legami di amicizia tra l’illustre archivista, filologo, letterato e poeta pratese e alcuni artisti suoi contemporanei. Uno spaccato sull’arte dell’Ottocento a Prato dove la figura di Guasti con i suoi amici artisti gioca un ruolo importantissimo, determinando l’affermarsi del pensiero purista e favorendo un’estetica improntata ai valori morali, in cui la bellezza esteriore fosse riflesso del bene e della verità.

Inaugurazione 17 dicembre ore 10.30. Il 30 dicembre alle ore 17 una speciale visita guidata ’Sulle orme di Cesare Guasti’.

Informazioni:

Orario: tutti i giorni 10.30-18.30 chiuso martedì.

Prato – Museo di Palazzo Pretorio, Piazza del Comune

Info: 0574.1837860 – www.palazzopretorio.prato.it


Due secoli di Textile e Fashion Design

dal 15 luglio al 30 aprile

La grande moda torna protagonista nella Sala dei Tessuti Antichi del Museo del Tessuto in un allestimento cronologico che illustra le trasformazioni del design tessile e della moda avvenute dalla fine del Settecento fino alla metà del Novecento.

Oltre 100 oggetti tra abiti maschili e femminili, tessuti per abbigliamento e per arredamento, figurini di moda, libri campionario e accessori moda documentano le trasformazioni del settore tessile in un periodo storico caratterizzato da grandi cambiamenti, sociali, economici, di costume, dovuti soprattutto alla meccanizzazione dei processi produttivi e alla conseguente industrializzazione.

Tutti gli oggetti provengono dalle collezioni del Museo ad eccezione del raro esempio di abito da giorno femminile datato 1820-1825 in tela di cotone stampata proveniente dall’archivio di Massimo Cantini Parrini, il costumista pluripremiato autore dei costumi per il film ‘Pinocchio’ di Matteo Garrone.

Accanto ad esemplari appena restaurati, vengono esposti per la prima volta alcune recenti acquisizioni come l’abito da sposa in due pezzi di fine Ottocento, l’abito a tunica di Maria Monaci Gallenga degli anni Venti, il mantello da sera dell’Atelier Elsa Schiaparelli e l’abito da cocktail degli anni Cinquanta della sartoria romana Fanucchi. Non mancano esemplari di design tessile firmati da autorevoli artisti come Lucio Fontana e Giò Pomodoro.

Informazioni:

Orario: dal martedì al giovedì 10-15, venerdì e sabato 10-19, domenica 15-19, chiuso lunedì.

Prato – Museo del Tessuto, Via Puccetti, 3

Info: 0574.611503 – www.museodeltessuto.it

Dettagli

Inizio:
1 Dicembre ore 8:00
Fine:
31 Dicembre ore 19:00
Categorie Evento:
,
Comments are closed.