Cosa c’è di bello al cinema

13 min read
Commenti disabilitati su Cosa c’è di bello al cinema
0
114

Questa settimana abbiamo: un film di macchine, inseguimenti ed esplosioni à la Fast & Furious dei primi tempi (Overdrive); il diciottesimo film della saga di Amityville (Amityville: Il risveglio); il terzo capitolo delle avventure di Mel e dei suoi Minions (Cattivissimo me 3); una commedia italiana su accoglienza e integrazione (Taranta on the road)… Voi cosa andrete a vedere?

Overdrive

overdriveRegia di Antonio Negret. Scritto da Michael Brandt, Derek Haas. Cast: Scott Eastwood, Ana de Armas, Gaia Weiss, Clemens Schick, Simon Abkarian, Moussa Maaskri, Freddie Thorp, Magne-Håvard Brekke, Philippe Ohrel, Abraham Belaga.

Action thriller ambientato nel sud della Francia, Overdrive segue le audaci imprese dei fratelli Foster, criminali professionisti incappati negli intrighi della mafia locale. Andrew (Scott Eastwood) e suo fratello Garrett (Freddie Thorp), due ladri specializzati nel furto d’auto d’epoca, finiscono per errore nella trappola del noto boss Jacomo Morier (Simon Abkarian). Unica salvezza per gli sfortunati ladruncoli è accettare il rischioso incarico che il mafioso assegna loro: rubare la preziosissima Ferrari 250GT del 1962 dalla collezione di Max Klemp (Fabian Wolfrom), rivale di Morier  e noto criminale tedesco insediatosi in Costa Azzurra. Giunti a destinazione, gli uomini di Klemp non sono i soli da cui i Foster devono guardarsi le spalle: lo spietato datore di lavoro tiene in pugno anche la vita della fidanzata di Andrew. Per i due fratelli, pronti a vender cara la pelle, inizia una corsa contro il tempo tra incredibili acrobazie su ruote e sfrenati inseguimenti al cardiopalma.

Cosa se ne dice Se ne dice male, malissimo: la maggior parte delle recensioni ha criticato la pessima sceneggiatura, la brutta regia, la storia noiosa e le interpretazioni dilettantesche, definendo il film un goffo tentativo di emulazione di saghe come Fast & Furious e film come Rollercar – 60 secondi e vai!


Amityville: Il risveglio

amityville il risveglioScritto e diretto da Franck Khalfoun. Cast: Jennifer Jason Leigh, Bella Thorne, Cameron Monaghan, Thomas Mann, Taylor Spreitler, Kurtwood Smith.

Prodotto dalla Blumhouse di Jason Blum (Paranormal Activity, Insidious, Split), Amityville: Il risveglio è il nuovo terrificante capitolo della saga horror ispirata al romanzo di Jay Anson, Orrore ad Amityville. Belle (Bella Thorne) si trasferisce con la famiglia al numero 112 di Ocean Avenue, nella cittadina costiera di Amityville. Il prezzo vantaggioso col quale sua madre (Jennifer Jason Leigh) riesce a ottenere l’abitazione, permette alla donna di far fronte alle costose cure mediche del figlio James (Cameron Monaghan), gemello di Belle in stato comatoso, e prendersi cura della sorellina minore Juliet. Quando la liceale comincia a essere evitata dai compagni di scuola, additata e presa in giro da ragazzi più grandi, un amico (Thomas Mann) le suggerisce la soluzione al mistero: anni prima, la vecchia casa coloniale in cui si è appena trasferita è stata teatro di un tremendo omicidio, a opera di un ragazzo problematico guidato da sinistre voci nella testa. La gente del luogo perciò pensa che la casa sia infestata, occupata da spiriti e orrende creature demoniache che plagiano le menti degli inquilini spingendoli alla follia. Tormentata da spaventosi incubi notturni e vivide allucinazioni, di fronte anche alla guarigione miracolosa di suo fratello, Belle si rende conto che i racconti morbosi degli abitanti di Amityville nascondono un fondo di verità.


Cattivissimo me 3

cattivissimo me 3Regia di Kyle Balda, Pierre Coffin. Scritto da Ken Daurio, Cinco Paul. Cone le voci di: Max Giusti, Arisa, Paolo Ruffini.

Cattivi si nasce, non si diventa. Semmai si ritorna. E infatti Gru (Max Giusti), protagonista di Cattivissimo me 3, dopo aver voltato pagina e seguito l’adorata Lucy (Arisa) tra le fila della Lega Anti Cattivi, si lascia stuzzicare ancora una volta dal fascino della malvagità. Soprattutto dopo la grande rivelazione: il desiderio di predare, conquistare, comportarsi in maniera meschina e disonesta con il prossimo, è scritto nel suo DNA; il fiuto per le macchine corazzate e i missili a lunga gittata è una dote ereditaria che ha scoperto di condividere con il facoltoso fratello gemello Dru, recentemente ritrovato. Dru è identico al cattivissimo originale, ma con una setosa chioma bionda e una risatina civettuola che non manca di sfoderare per ottenere quel che vuole. E lui vuole formare un duo di cattivissimi che sia in grado di rubare un diamante rubato, strappandolo dalle grinfie del perfido Balthazar Bratt (Paolo Ruffini), ex bambino prodigio, adulto ossessionato dal personaggio che interpretava negli anni 80. Gru dovrà così scegliere se percorrere la retta via mostrata dalla moglie Lucy e dalle figliolette adottive Margo, Edith e Agnes, o abbracciare il retaggio familiare appena riemerso. Non serve dire per quale delle due ipotesi fanno il tifo, quel piccolo concentrato di appetito e malvagità che sono i Minions.

Cosa se ne dice Su Rotten Tomatoes il film ha un approval rating del 61% basato su 154 recensioni, per una media voto del 5.7/10. Sul sito si legge che “Cattivissimo me 3 continua a divertire i fan con un altro giro di animazione vivacissima e umorismo folle”. Su Metacritic il film si è guadagnato un punteggio di 49 su 100 calcolato sulle recensioni scritte da 36 critici, cioè “mixed or average reviews” (in italiano: bene ma non benissimo). Nel sondaggio di CinemaScore, il pubblico ha dato al film l’ottimo voto di A-.

IGN ha dato al film un 6/10, dicendo che “Non è granché, ma Cattivissimo me 3 dovrebbe accontentare i giovani fan di questo franchise”. Peter Debruge su Variety ha scritto che “Cattivissimo me 3 è strano ma funziona abbastanza, perché i registi Pierre Coffin (che è anche il doppiatore dei Minions) e Kyle Balda non perdono mai di vista il centro emotivo del film, mettendoci tutto l’umorismo possibile. Le battute sono talmente tante e arrivano con tale velocità che la colonna sonora di Heitor Pereira fa fatica a trovare spazio, e il film dà l’impressione di non aver granché bisogno neanche delle cinque canzoni originali (tra le quali la dolcissima There’s Something Special) scritte da Pharrel Williams”. Su TheWrap, Alfonso Durante ha scritto che “alla fine, nessun difetto avrà alcuna importanza per le masse di bambini che hanno fatto dei precedenti capitoli della saga enormi successi mondiali”.


Taranta on the road

taranta on the roadRegia di Salvatore Allocca. Scritto da Emiliano Corapi, Salvatore Allocca, Luca De Benedittis. Cast: Nabiha Akkari, Helmi Dridi, Alessio Vassallo, Bianca Nappi, Giandomenico Cupaiuolo, Annarita del Piano, Sud Sound System, Emmanuele Aita.

All’indomani della primavera araba del 2011, Amira e Tarek, due migranti tunisini senza niente in comune, raggiungono la costa italiana. Per caso, si ritrovano entrambi a chiedere aiuto ad una band salentina, alla ricerca del successo tra sagre e matrimoni, che li scambia per una coppia in attesa di un figlio, decidendo così di aiutarli a raggiungere la Francia. Il viaggio, la paura, l’amore, l’incertezza del futuro e il desiderio di trovare la propria strada, uniranno tutti in un’esperienza unica che cambierà per sempre le loro vite.

Cosa se ne dice Su L’Epresso, Angiola Codacci-Pisanelli ha scritto che il film è “ben scritto (con l’aiuto di Amara Lakhous, uno dei nomi più noti della narrativa dei “neo-italiani” fin da Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio), ben diretto e ben interpretato, fa riscoprire Nabiha Akkari, la terrorista mancata di Che bella giornata di Checco Zalone, vista anche in Lezioni di cioccolato 2 e Non c’è più religione. Accanto a lei, Helmi Dridi (Il Principe del deserto), Alessio Vassallo (In guerra per amore, Il giovane Montalbano) e Bianca Nappi (Mine vaganti, Magnifica presenza, La mia famiglia a soqquadro).”

Load More Related Articles
Load More By eventiintoscana
Load More In 
Comments are closed.

Check Also

Gli eventi in Toscana del fine settimana 17-18 ottobre

Fine settimana del 17-18 ottobre 2020 Primo fine settimana dopo il nuovo Dpcm del 13 ottob…