Giovedì 19 marzo 53° Premio Letterario Nazionale Ceppo Pistoia

17 min read
Commenti disabilitati su Giovedì 19 marzo 53° Premio Letterario Nazionale Ceppo Pistoia
0
71

fernando-bandiniTitolo: 53° Premio Letterario Nazionale Ceppo Pistoia
Data: 2009-03-19

dialogo nella lingua della natura
con la voce del grande Fernando Bandini

Il poeta vicentino porta il proprio contributo alla seconda giornata del “Tempo del Ceppo”
Alle 17.30 di giovedì 19 un reading-concerto sul filo sottile tra natura e memoria

PISTOIA – Entra nel vivo “Il Tempo del Ceppo”, la manifestazione che fa da cassa di risonanza al 53° Premio letterario nazionale “Ceppo Pistoia”. Lo storico premio, che fino a sabato 21 marzo coinvolgerà la città toscana in una sorta di laboratorio aperto insieme agli otto poeti premiati (Fernando Bandini, Roberto Bartoli, Carlo Carabba, Lorenzo Carlucci, Pietro Formentini, Emilio Rentocchini, Valentino Ronchi e Mario Santagostini), si prepara ad accogliere il grande poeta vicentino Fernando Bandini (1931), una delle più profonde voci della poesia italiana contemporanea, quest’anno insignito del premio “Ceppo cultura del verde”.

Alle 17.30 di giovedì 19 marzo, presso la libreria-galleria “Lo Spazio di via dell’ospizio” (via dell’Ospizio 26), è in programma una conversazione su “Poesia e natura” che vedrà il poeta dialogare con Ernestina Pellegrini, Martha Canfield, Paolo Fabrizio Iacuzzi, Andrea Mati, Martino Baldi e Giacomo Trinci, e durante la quale Bandini leggerà alcune delle proprie poesie accompagnato da musiche originali per flauto e contrabbasso, composte per l’occasione da Andrea Mati e Franco Poggiali Berlinghieri ed eseguite, in prima assoluta, da Luca Magni e Luigi Giannoni. L’incontro, condotto dal direttore artistico Paolo Fabrizio Iacuzzi, darà anche occasione per una lettura di altri versi di poeti classici e contemporanei.

Bandini, che verrà premiato alle 17 di sabato 21 marzo durante la cerimonia conclusiva del “Premio Ceppo”, condurrà anche un laboratorio di poesia dedicato agli studenti del liceo classico “Forteguerri” e del liceo pedagogico “Vannucci” di Pistoia (venerdì 20 marzo, dalle 10.00), a ribadire la volontà del “Tempo del Ceppo” di proporre una poesia non solo “accademica”, ma “animata”, che vede i poeti coinvolti attivamente insieme ai giurati, ai critici, agli operatori culturali, agli studenti. L’idea è quella di far sì che tutti possano sentirsi parte di una piccola comunità-laboratorio che pensa e ri-pensa, attraverso la poesia, alla civiltà nella quale vive.

L’incontro di giovedì è patrocinato dall’Azienda Piante Mati di Pistoia, che sostiene il premio “Ceppo cultura del verde”, insieme all’immagine di questa 53° edizione, il SuperCeppo appositamente realizzato dall’artista Luca Matti: tracce di un percorso trasversale che da sempre lega l’azienda (che proprio nell’ottobre di quest’anno festeggerà il centenario della sua fondazione) con il mondo dell’arte e della cultura.

Fare natura della poesia,
fare poesia della natura Il Tempo del Ceppo è concepito come una serie di incontri-laboratorio sulla poesia, condivisi fra poeti vincitori, giurati del premio (di tutte le generazioni), lettori di poesia e non, come invito alla lettura consapevole dei poeti e attraversamento dei motivi filosofici, etici e civili della nostra contemporaneità.

Dopo l’incontro di mercoledì 18 con Pietro Formentini, incentrato sul rapporto tra fare poesia e immaginazione e sulle tecniche di animazione alla poesia rivolta ai bambini dai 3 ai 103 anni, è la volta dell’esplorazione del paradigma poesia-natura: fare natura della poesia e fare poesia della natura. Il principio della phisis e l’amore (filia) per l’ambiente si intrecceranno in tutte le loro declinazioni.

Dove Formentini si soffermava sul rapporto tra la parola e le immagini nel flusso di media diversi come il fumetto, il video, la pubblicità, con Bandini si tenterà una riflessione sugli intrecci tra poesia e musica che vedrà Andrea Mati, curatore della serata, in qualità non solo di giurato del premio, ma anche di affermato compositore, con le musiche originali da lui scritte insieme a Franco Poggiali Berlinghieri.

Il programma dell’incontro Di seguito il programma dell’incontro di giovedì 19.

Fernando Bandini leggerà:

da Dietro i cancelli e altrove (Garzanti, 2007)
“Nostos”

da Meridiano di Greenwich, (Garzanti, 1998)
“Corona per un Capodanno III”
“Bird-watching”
“Il liocorno”

Luca Magni (flauto) e Luigi Giannoni (contrabbasso) eseguiranno brani musicali composti da Andrea Mati e Franco Poggiali Berlinghieri:

“Ouverture da Berenice” (flauto e contrabbasso)
“Al vento nei pioppi” (solo flauto)
“Notturno di ginestre” (solo contrabbasso)
“Colloquio sonoro” (flauto e contrabbasso)
“Haba con tempo” (solo flauto)

Ernestina Pellegrini (docente di Letteratura comparata all’Università di Firenze), Paolo Fabrizio Iacuzzi, Martha Canfield, Andrea Mati, Martino Baldi (giurati) e Giacomo Trinci (vincitore della 51° edizione del “Ceppo”) intervisteranno Bandini e leggeranno versi di poeti che interpretano il rapporto poesia e natura. In più, chi tra i presenti nel pubblico vorrà leggere una poesia sul paradigma poesia-natura, avrà occasione di farlo.

Una vetrina sul “Ceppo” La libreria-galleria-sala da tè “Lo Spazio di via dell’ospizio”, attiva collaboratrice del “Tempo del Ceppo”, ha preparato una vetrina con i libri dei vincitori del premio (e dei giurati: anche da qui passa l’intento di condivisione alla base del “Ceppo”). Lo “Spazio” sarà presente con uno stand anche durante le iniziative nella biblioteca San Giorgio e in Palazzo Comunale.

Le molte lingue di Fernando Bandini Fernando Bandini (Vicenza, 1931), già maestro elementare, docente di filologia romanza, poi di stilistica e metrica italiana all’Università di Padova, e di letteratura italiana moderna e contemporanea in quella di Ginevra, è presidente dell’Accademia Olimpica di Vicenza.

Tra le sue raccolte recenti: Santi di Dicembre (Garzanti, 1994), Meridiano di Greenwich (Garzanti, 1998), Dietro i cancelli e altrove (Garzanti, 2007). La sua prima raccolta di versi, In modo lampante, era stata pubblicata nel 1962 da Neri Pozza. Successivamente i libri di poesia di Bandini sono apparsi nella collana “Lo Specchio” di Mondadori: Memoria del futuro (1969) e La màntide e la città (1979).

Nel profilo poetico di Bandini c’è anche l’esercizio della poesia neolatina. Come poeta neolatino si è distinto nel “Certamen Hoeuffianum”, bandito dall’Accademia Reale Olandese (il concorso noto in Italia per i successi che vi riportò Giovanni Pascoli) e, dopo la cessazione del premio olandese alla fine degli anni Settanta, nel “Certamen Vaticanum”.

Notevole anche la sua attività di traduttore: da ricordare la traduzione degli Epòdi di Orazio, pubblicata da Marsilio nel 1992, e quella delle Canzoni di Arnaut Daniel, poeta provenzale del XII secolo, Einaudi 2001. Gli studi di Bandini saggista riguardano il linguaggio poetico contemporaneo (Rebora, Jahier, i dialettali del Novecento). Suo è un apprezzato commento ai Canti del Leopardi.

«Bandini – scrive il poeta e critico Paolo Fabrizio Iacuzzi nella motivazione del premio – è un mago nel rendere estranee le cose familiari e familiari quelle straniere. Con Pascoli e Betocchi, rende protagonisti gli animali fra liturgia privata ed escatologia corale. Fra La mantide e la città (1979) e Dietro i cancelli e altrove (2007), fra i nomi scolpiti sulle lapidi e quelli incisi sui tronchi dei meli, il poeta è un ornitologo e un linneo bambino che unisce classificazioni a brividi, interrogazioni a stupori. […] Nella tensione che porta dalla notte all’alba della creatura come “infinita eco di Dio” sta il passaggio di testimone da Francesco Guccini a Fernando Bandini, dal vincitore 2008 a quello 2009 del “Ceppo Cultura del Verde”.»

Il Tempo
del Ceppo:
gli altri appuntamenti “Il Tempo del Ceppo” prosegue fino a sabato 21 marzo. Questo il calendario dei prossimi appuntamenti:

venerdì 20 marzo

ore 16.00, Biblioteca SanGiorgio (auditorium Tiziano Terzani)
“Stati animati della poesia”. Incontro con Carlo Carabba, Lorenzo Carlucci, Valentino Ronchi. Dialogo con gli altri poeti vincitori Roberto Bartoli, Emilio Rentocchini, Mario Santagostini, Pietro Formentini, Fernando Bandini e con alcuni promotori e animatori alla poesia.
Saluto di Rosanna Moroni, assessore alla Cultura.
Interventi di Martino Baldi e Milo De Angelis.
sabato 21 marzo

ore 17.00, Palazzo Comunale (Sala Maggiore)
53° Premio Ceppo Pistoia. Giornata mondiale della poesia. Recital dei poeti e cerimonia di premiazione. Omaggio musicale a Giovanni Giudici e Fernando Bandini su partiture originali di Andrea Mati e Franco Poggiali Berlinghieri eseguite al flauto da Luca Magni e al contrabbasso da Luigi Giannoni. Lettura poetica dell’attore Massimiliano Barbini (testi di Bandini e Giudici). Conduce: Serena Magnanensi.

La biblioteca San Giorgio si trova in via Sandro Pertini, poco distanze dalla stazione FS di Pistoia. La libreria-galleria “Lo Spazio di via dell’ospizio” si trova in via dell’Ospizio 26, nel centro storico.

Laboratori per ragazzi
e incontri con le scuole Molte delle energie del “Ceppo” sono quest’anno investite in attività di laboratori e incontri dedicati ai ragazzi e alle scuole del territorio. Questo il programma:

venerdì 20 marzo

Biblioteca SanGiorgio (Sezione ragazzi)
Laboratori di poesia per i bambini con Pietro Formentini. Incontri su appuntamento con gli alunni delle scuole primarie e medie e con i genitori. A cura di Marzia Mazzoncini e Odette Maestripieri.

ore 10.00 – 13.00, Liceo classico “Forteguerri” e Liceo pedagogico “Vannucci”
Laboratorio di poesia per ragazzi con Fernando Bandini. Interventi di Paolo Fabrizio Iacuzzi e Giuliano Livi.

ore 10.00 – 13.00, Istituto d’arte “Petrocchi”
Laboratorio di poesia per ragazzi con Roberto Bartoli. Interventi di Martino Baldi e Vittorio Brachi.

ore 10.00 – 13.00, Istituto Suore Mantellate
Laboratorio di poesia per ragazzi con Mario Santagostini. Interventi di Martha Canfield e Donata Scarpa.

ore 10.00 – 13.00, Liceo scientifico “Amedeo di Savoia”
Laboratorio di poesia per ragazzi con Emilio Rentocchini. Interventi di Alberto Bertoni e Benedetta Livi.

sabato 21 marzo

ore 10.00, Palazzo Comunale (Sala Maggiore)
“Una poesia ci salverà”. Roberto Bartoli, Emilio Rentocchini, Mario Santagostini e Fernando Bandini incontrano i ragazzi delle scuole secondarie. Intervento di Alberto Bertoni.

Info e contatti Per informazioni sul premio e sulle iniziative del Tempo del Ceppo:

Paolo Fabrizio Iacuzzi
direttore artistico
tel. 339.65.28.633

email: iltempodelceppo@gmail.com
YouTube: www.youtube.com/iltempodelceppo
MySpace: www.myspace.com/iltempodelceppo
Facebook: Il Tempo del Ceppo
Web: www.accademiadelceppo.it

Load More Related Articles
Load More By eventiintoscana
Load More In Arte e Cultura
Comments are closed.

Check Also

Gli eventi in Toscana del fine settimana 17-18 ottobre

Fine settimana del 17-18 ottobre 2020 Primo fine settimana dopo il nuovo Dpcm del 13 ottob…