LUIGI MORMORELLI (1921 – 1994)

4 min read
Commenti disabilitati su LUIGI MORMORELLI (1921 – 1994)
0
89

Il “Museo Ugo Guidi” e gli “Amici del Museo Ugo Guidi – Onlus” presentano la mostra retrospettiva dello scultore

La mostra allestita nel “Museo Ugo Guidi” a Forte dei Marmi – Via M. Civitali 33 Vittoria Apuana – sarà inaugurata sabato 15 novembre alle ore 16, con orario 16 – 19.

La visita della mostra, che durerà fino al 12 dicembre 2008, e del museo nei giorni successivi all’inaugurazione, ad ingresso libero, sarà possibile solo su appuntamento allo 0585-348510 – 348-3020538 – vittorio_guidi@hotmail.com

Luigi Mormorelli (Pisa 1921 – Strettoia 1994) Ingegnere, progettò e brevettò macchine per utensili, ma anche poeta, pittore e scultore. Uomo di grande cultura, dagli anni ’50 si dedicò all’arte prediligendo la pittura. Ha operato in Versilia dalla fine degli anni ‘60 e partecipato ad importanti e selettive esposizioni personali e collettive in Italia ed in Francia. Nel 1966 si trasferì a Parigi dove conobbe Moravia, Giani, Buzzati.

Scultore dalle linee purissime si espresse, dagli anni ’70 in poi, prediligendo la verticalità di elaborati che rappresentano la sintesi e l’essenzialità di un linguaggio espressivo-culturale che trae le sue origini dalle culture primitive dei popoli del Sud America dove l’artista, sul finire degli anni ’60, effettuò un lungo viaggio per scoprirne il “Mana”, lo spirito che risiede nelle divinità primitive.

Tornato in Italia, trasportò nelle sue statue stele simbolismi ascensionali ed allusioni votive che emergono dalla massa scultorea disponendosi verso l’alto, verso una sacralità che apre il suo dialogo con la spazialità dell’infinito.

Senza dubbio l’artista riflette sulla lezione di Brancusi, (e chi poteva non farlo negli anni ’60 e ’70 ?) perciò l’intensità del significato simbolico e formale si esprime nella purezza di un’astrazione che, di fatto, ne rappresenta la concezione creativa.

Mormorelli affrontò la scultura, definita da Carlo Giulio Argan “più colta che dotta”, come una forma assoluta, compatta, portatrice di ataviche memorie che tende a risolvere ogni significato nella sua relazione con lo spazio dove le armoniose e avvolgenti figure si stagliano in tutta la loro nitidezza formale per trasmettere messaggi primordiali rivisitati in chiave astratta.
Enrica Frediani

La mostra è stata realizzata grazie al contributo di Salt , con l’adesione dell’ International Council Of Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Edumusei, ArteFare, APT Versilia e APT Marina di Massa.
“MUSEO UGO GUIDI”Via M. Civitali 33Forte dei Marmi www.ugoguidi.it Tel. 0585348510 3483020538

Load More Related Articles
Load More By eventiintoscana
Load More In Arte e Cultura
Comments are closed.

Check Also

Gli eventi in Toscana del fine settimana 17-18 ottobre

Fine settimana del 17-18 ottobre 2020 Primo fine settimana dopo il nuovo Dpcm del 13 ottob…