Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Le Mostre d’arte in corso a Siena

01 Dicembre 2023 - 31 Gennaio 2024 ore 23:59

Le Mostre d’arte a Siena e provincia

Le Mostre in città

dall’1 dicembre 2023 fino al 7 gennaio 2024

L’illusione. Storie di ordinaria dipendenza

I Magazzini del Sale ospitano una mostra multimediale del pluripremiato collettivo TerraProject Photographers. L’esposizione, composta da fotografie, video e installazioni, si propone di raccontare e riflettere sul tema del gioco d’azzardo patologico, fenomeno che ad oggi in Italia conta circa 1,3 milioni di persone. La mostra multimediale, proposta qui in esclusiva, punta ad immergere lo spettatore nel mondo del gioco d’azzardo. La narrazione è composta dall’interazione di tre principali temi. Quello centrale affronta la profondità delle problematiche legate alla dipendenza da gioco attraverso le storie personali di ex giocatori, attraverso video racconti e fotografie, approfondendo in particolare i drammatici aspetti finanziari che si devono affrontare. Il secondo tema è legato all’interazione tra paesaggio urbano e i luoghi del gioco mentre il terzo riflette su come i cittadini siano costantemente a contatto con il linguaggio di marketing dei prodotti di gioco d’azzardo nei luoghi più comuni. L’iniziativa è realizzata grazie ad un progetto del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Siena, in collaborazione con ANCI Toscana e Fondazione Toscana per la prevenzione dell’usura.

Ingresso libero. Orario: tutti i giorni 10-18, Capodanno 12-18, chiuso 25 dicembre.

Siena

Magazzini del Sale

Palazzo Pubblico

Piazza del Campo

Info: 0577.384909 – www.terraproject.net


fino al 19 gennaio 2024

Dittici Occasionali. Ossia la ‘causalità’ dell’arte

La nuova stagione espositiva del Santa Maria della Scala si apre negli spazi della Biblioteca ‘Giuliano Briganti’ con una mostra fotografica a cura di Lucia Simona Pacchierotti e Carlo Pennatini.

L’allestimento vuole indagare il rapporto tra fotografia e arte figurativa proponendo al pubblico cinquantadue immagini costruite in dittico con l’aiuto del Siena Foto Club, mettendo a confronto immagini analogiche di opere d’arte con fotografie attuali ad argomento vario: sport, spettacolo, folklore, paesaggio, strada.

L’abbinamento è avvenuto secondo criteri di assonanza, evocazione e risonanza, una sorta di gioco delle percezioni, nel tentativo di individuare l’opera nella sua ‘causalità’.

Oltre agli artisti del club cittadino ha partecipato al progetto il collezionista e fotografo Ferruccio Malandrini.

Orario: lunedì, mercoledì e venerdì 10 -13, martedì e giovedì 10 -13 e 15-17, chiuso sabato e domenica.

Siena

Biblioteca ‘Giuliano Briganti’

Complesso del Santa Maria della Scala

Piazza del Duomo, 1

Info: 0577.534563 – 0577.534514 – www.santamariadellascala.com


fino al 25 febbraio 2024

Giuseppe Gavazzi. Una perfetta coincidenza

Gli spazi recuperati dei Magazzini della Corticella al Santa Maria della Scala ospitano una mostra a cura di Mauro Civai, Andrea Sbardellati ed Enrico Toti.

L’esposizione propone una rassegna di sculture che raffigurano prevalentemente la figura umana, realizzate in oltre un cinquantennio da Giuseppe Gavazzi (nato in Francia nel 1936 da genitori toscani), artista per certi versi atipico ma dalla fama internazionale consolidata.

Maestro d’arte e di restauro, cresciuto nella bottega di Leonetto Tintori, Gavazzi è conosciuto in tutto il mondo non solo per le sue sculture (in terracotta, legno, marmo e bronzo), ma anche per aver ridato nuova vita ai capolavori realizzati da alcuni dei principali interpreti dell’arte medievale e rinascimentale come Duccio di Buoninsegna, Giotto, Simone Martini, Ambrogio e Pietro Lorenzetti, Paolo Uccello, Piero della Francesca, Pinturicchio e molti altri ancora.

Gavazzi è intervenuto anche sulle bellissime pitture murali del tardo Duecento scoperte in un locale sotterraneo del Duomo di Siena.

Orario: tutti i giorni 10-19.

Siena

Magazzini della Corticella

Complesso del Santa Maria della Scala

Piazza del Duomo, 1

Info: 0577.534571 –  www.santamariadellascala.com


Le Mostre in provincia

fino al 31 dicembre 2023

Dialoghi Paralleli

Il Castello di Albola a Radda in Chianti, raggiunto ogni anno da oltre 25.000 visitatori, presenta un percorso culturale, tra arte e tecnica, pittura e vino, che dà la possibilità al pubblico di scoprire, all’interno della tenuta, le opere di due artisti particolarmente vicini a questo luogo: Fabio Calvetti & Armando Xhomo. Le opere che sono state create dai due artisti non raccontano solo se stesse e la loro visione ma contribuiscono ad arricchire l’esperienza estetica del visitatore all’interno del luogo che le accoglie. Mentre Calvetti si concentra sulla dimensione soggettiva ed interiore della pittura, con un linguaggio dai toni intimisti, meditativi, talvolta anche melanconici, e una tavolozza che alterna tinte scure e terragne a bianchi lattiginosi e rossi vermigli, Xhomo, al contrario, manifesta un’attitudine creativa più ‘energica’, vitalistica, vocata all’impeto del gesto pittorico, con un ribollire di colori a colmare lo spazio della rappresentazione e un continuo fluire di visioni che spaziano dall’umano al ferino.

Orario: tutti i giorni 10-18, sabato e domenica 10-19.

Radda in Chianti

Castello di Albola

Via Pian d’Albola, 31

Info: 0577.738019 – www.albola.it


fino al 7 gennaio 2024

Il lavoro dei luoghi. Le fornaci della creta

Una mostra fotografica di Carlo Vigni propone oltre trenta scatti inediti dell’artista senese che da anni indaga il paesaggio come ambiente di vita lavorativa in cui le architetture industriali si incontrano con la natura, talvolta in contrasto e talora in armonia.

L’esposizione è curata da Elisa Bruttini, direttrice di Fondazione Musei Senesi, in collaborazione con Valentina Lusini, responsabile scientifica del Museo del Paesaggio.

La mostra, site specific, è dedicata a una presenza industriale che ha fortemente connotato il territorio e la vita della comunità, le due sedi della ‘Laterizi Arbia’ poste tra i territori di Asciano e Castelnuovo Berardenga, dismesse ormai da anni dopo aver prodotto per decenni materiali da costruzione ricavati dall’argilla circostante ed esportati in tutta Italia.

Il percorso espositivo è arricchito da un video di Luca Gentili e rappresenta il punto di partenza di una riflessione sull’archeologia industriale, sul concetto di paesaggio e sul rapporto tra squilibri ambientali e necessità produttive.

Orario: martedì, mercoledì, giovedì e domenica 10-13, venerdì e sabato 10-13 e 16-19.

Castelnuovo Berardenga

Museo del Paesaggio

Via del Chianti, 61

Info: 0577.351337 – museo@comune.castelnuovo.si.it


fino al 14 gennaio 2024

Tensione Continua, Le Parc, Kwade, Yaque

Nella sede di San Gimignano, Galleria Continua apre la nuova stagione espositiva con 4 interessanti mostre.

Una assoluta new entry è l’artista argentino Julio Le Parc (con la mostra ‘1958-2023’) precursore dell’arte cinetica e dell’Op Art e vincitore del Gran Premio Internazionale di Pittura della 33ª Biennale di Venezia nel 1966, una figura determinate dell’arte a cavallo tra i due secoli.

Troviamo poi Alicja Kwade (mostra ‘In cerchi’), artista di origini polacche ma tedesca d’adozione che esplora la percezione dello spazio e del tempo unendo scienza e filosofia. Poco nota al pubblico italiano fino a pochi anni fa, ha fatto un esordio trionfale nel nostro Paese con l’installazione ‘WeltenLinie’ alla 57ª Biennale di Venezia.

Questa è la sua prima mostra con Continua. Arriva anche il giovane artista cubano Jose Yaque (mostra ‘Eruzione’) con una nuova serie di grandi dipinti che nascono da un’esperienza vissuta a La Palma quando il vulcano dell’isola era in piena eruzione.

Ed infine una collettiva, ‘Tensione Continua’ con 28 artisti internazionali che indagano il tema della tensione declinandola sotto diversi punti di vista: energetica, erotica, sociale, intellettuale.

Orario: tutti i giorni 10-13 e 14-19.

San Gimignano

Galeria Continua

Via del Castello, 11

Info: 0577.943134 – www.galleriacontinua.com


dal 2 dicembre al 28 febbraio 2024

Amber Orpheus: tutto ciò che hai lasciato dietro

Palazzo Chigi ospita la mostra personale del pittore Antonio Furi. Un viaggio attraverso 30 dipinti ispirati al mito di Orfeo e in particolare alla poesia di R.M.Rilke’ Orfeo, Euridice ed Ermete’. Si può lasciare tutto dietro di sé e ricominciare da capo? Questo è la domanda che si pone l’artista Antonio Furi alla quale risponde attraverso i suoi dipinti. La mostra si struttura in 3 parti, o meglio 3 paesaggi diversi ed uguali come in un viaggio dal carattere onirico. Antonio Furi è pittore e performer dagli anni 80, ha studiato teatro e pittura a Firenze, Parigi e Arles. Espone dal 2000 regolarmente, principalmente in Emilia Romagna e in Toscana dove risiede.

Orario: tutti i giorni 10.30-18, chiuso domenica e festivi.

San Quirico d’Orcia

Palazzo Chigi Zondadari

Piazza Chigi, 4A

Info: 0577.899728


fino al 31 marzo 2024

Arranging Proximities

Una nuova mostra di Loris Cecchini (Milano, 1969) viene ospitata negli spazi di UMoCA – Under Museum of Contemporary Art di Colle di Val d’Elsa.

La mostra parte del programma espositivo del museo realizzato nel 2001 dall’artista cinese Cai Guo-Qiang (Quanzhou, 1957) sotto gli archi del Ponte San Francesco ed è un progetto di Associazione Arte Continua per ripercorre il lavoro di uno dei più importanti artisti della comunità internazionale dell’arte.

Le tre sculture pensate dall’artista per animare gli archi del ponte – ‘Waterbones’, ‘Sequential interactions in alfalfa chorus’ e ‘Arborexence’ – sono strettamente connesse a ‘Waterbones (nightfall)’, realizzata all’Osservatorio Polifunzionale del Chianti che, con i suoi tremila moduli di acciaio collocati sul tetto, viene esposta fino al 30 novembre.

Le opere di Loris Cecchini evocano la mutevolezza dei moti celesti creando uno stretto legame tra scienza e arte.

Attraverso le sue opere lo spazio fisico viene interpretato come qualcosa di biologico, organico, vitale, e allo stesso tempo razionalmente strutturato, meccanicamente prodotto, perfettamente artificiale.

Orario: sempre visibili.

Colle Val d’Elsa

UMoCA – Under Museum of Contemporary Art

Ponte di San Francesco

Info: 349.3364855 – www.artecontinua.org

Vai alla mappa

Dettagli

Inizio:
1 Dicembre 2023 ore 0:00
Fine:
31 Gennaio ore 23:59
Categorie Evento:
,
Comments are closed.