La tecnologia Quake Saver presentata a Klimahouse Toscana

0
0
Quick saver

E’ nel 2009, in seguito al disastroso terremoto di L’Aquila, che Luca Fallaolita ha l’idea del Quake Saver, un dispositivo che impedisce a cedimenti, sollevamenti e/o distorsioni della muratura di incastrare porte e/o infissi, consentendo ai residenti di abbandonare l’edificio.

Si tratta in effetti di un dissipatore di energia che, successivamente a sollecitazioni causate dal cambiamento dell’assetto delle murature, grazie alla caratteristica inclinazione, riduce l’altezza della porta spingendola nel senso di apertura.

Tale tecnologia, tutelata da brevetto per invenzione industriale, è stata sottoposta a test presso l’Università degli Studi di L’Aquila ( Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura Laboratorio Prove Materiali e Strutture) nel 2016.  I test hanno dimostrato che le porte tradizionali si bloccano con appena 6,24 millimetri di abbassamento del telaio mentre l’infisso dotato di Quake Saver con un abbassamento di 26,87 millimetri continua da aprirsi. Da non sottovalutare il fatto che la natura totalmente meccanica del dispositivo in questione ne garantisce il funzionamento in qualsiasi condizione.

Oggi il Quake Saver è il prodotto di punta di una nuova realtà industriale, la LF System Italia, che ha siglato accordi con alcuni grandi produttori del settore porte ( Scrigno SPA, Connecticut Srl, Odissea Srl) e sta avviando collaborazioni con altri importanti marchi ( Dierre SPA, Garofoli SPA, Pail SPA). Inoltre proprio in questi giorni si sta procedendo all’effettuazione dei test di laboratorio sulle porte REI.

Sono in corso ulteriori studi e test nelle Università Politecnico di Milano, Università di Bergamo, Università di Brescia, Università degli Studi di Parma e Università di Pavia.

 

POST A COMMENT.