Al via il restauro del magazzino del sale, ospiterà il museo del vetro

146
0

Hanno preso il via martedì 27 i lavori di ristrutturazione dell’edificio di via Ridolfi, nel centro di Empoli, che fu magazzino del sale. La struttura è oggetto di un progetto di recupero funzionale che, al termine dei lavori, vedrà nascere nel cuore di Empoli un nuovo museo dedicato al vetro.
Si tratta di un investimento importante: un milione e centomila euro derivanti in parte da un cospicuo finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze ed in parte da risorse comunali. Un progetto ambizioso nato con il duplice obiettivo di conservare il complesso architettonico del ‘magazzino’, i cui spazi sono destinati in gran parte ad area museale ed espositiva, e contemporaneamente a riproporre la tradizione storica del vetro nel territorio empolese.
Una volta realizzato il museo del vetro dovrà diventare un vero e proprio incubatore di cultura della città e della sua tradizione storica, un punto di riferimento per la storia locale e contemporaneamente una struttura polifunzionale in grado di offrire non solo l’esposizione di documenti e strumenti che documentano l’attività vetraria, ma anche motore di attività culturali, con mostre temporanee, attività didattiche, cicli di conferenze e di incontri.
Il progetto di ristrutturazione prevede che al termine dei lavori il neonato museo sarà dotato di un ampio locale per l’accoglienza (biglietteria e servizio di informazione turistica), spazi appositi per illustrare la storia del magazzino del sale. Nella struttura troverà posto la produzione di vetro e di cristallo delle aziende operanti nella zona con finalità promozionali ed una collezione permanente di oggetti, divisi per tipologie ed epoche (secoli XVIII-XX). Spazi appositi consentiranno di allestire mostre tematiche e temporanee con la partecipazione di privati e collezionisti, mezzi multimediali che si alterneranno con oggetti reali come materie prime, oggetti di vetro, strumenti di lavoro, documenti cartacei e fotografici.

Facebook Comments